DECADENZA

Forza Italia ha perso la testa

Acefala la rinata organizzazione berlusconiana: al vertice nessun coordinatore (per il momento) e tutto il potere ai club “Forza Silvio”, 300 in tutto il Piemonte. Domani mega raduno a Roma con il Cavaliere, senza la vecchia nomenclatura del Pdl

Un piede saldo nel passato, a quella stagione della rivoluzione liberale (mancata), con lo sguardo proiettato nel futuro, dietro un leader decadente e decaduto ma ancora capace di intercettare milioni di consensi tra gli italiani. È questa la rinata Forza Italia piemontese che si è presentata oggi alla conferenza stampa di eletti e dirigenti del partito alla viglia del raduno di domani pomeriggio all’Auditorium della Conciliazione di Roma, appuntamento al quale il Piemonte si presenterà, secondo i promotori, con 150 club nati in provincia di Torino e quasi altrettanti nel resto della regione. Il Comitato regionale di presidenza è in via di costituzione, ma manca ancora un coordinatore, al momento non previsto dalla pletorica struttura.

 

«Ritornare a Forza Italia significa guardare al futuro, recuperare lo spirito delle sue origini e rilanciare la sfida del nostro movimento sul terreno delle riforme», ha spiegato  il vice presidente della Regione Piemonte Gilberto Pichetto. «Le scelte sbagliate di questo governo, basate solo sulla logica del “tassa e spendi” dei continui rinvii e del galleggiamento, il naufragio delle larghe intese ed il conseguente abbandono di alcuni esponenti del Pdl – ha aggiunto la senatrice Maria Rizzotti - hanno solo accelerato una svolta che molti auspicavano da tempo. Ora dovremmo lavorare insieme per rilanciare i valori profondi in cui crediamo, efficienza, equità, meritocrazia, solidarietà, giustizia e libertà». Tutto in chiave nazionale anche l’intervento del senatore Lucio Malan: «Il Governo ha tradito il patto tra Silvio Berlusconi e gli elettori sull'abolizione dell’Imu prima casa eliminata l’Imu le hanno cambiato nome, si chiamerà Tasi e nel 2015 la stangata sarà ancora peggiore perché l'aliquota massima di questa crescerà ancora».



Pressoché definita la situazione nelle istituzioni locali: Forza Italia è presente nel Comune di Torino con un solo esponente (Andrea Tronzano), mentre in Consiglio Regionale può contare su sei consiglieri (ma Carla Spagnuolo ha aderito solo per ragioni “tecniche”). In Provincia di Torino è rimasto compatto il gruppo Pdl-Fi, capitanato da Nadia Loiaconi, che raccoglie anche aderenti al Ncd.

 

Domani alle 14,30 a Roma, presso l’Auditorium Conciliazione, si terrà il primo incontro nazionale dei primi 1000 club Forza Silvio nati in tutta Italia, il vero cuore elettorale di Forza Italia, alla presenza di Silvio Berlusconi, che aprirà e chiuderà i lavori. “Silvio Berlusconi prepara la campagna d’inverno - si legge su Libero -. Il Cav vuole rodare per bene la macchina di Forza Italia per lanciarla bene in vista del voto delle europee”. Secondo il quotidiano la “scaletta e la scenografia della kermesse” sono state curate dal Cavaliere “nei minimi dettagli”. Si riferisce anche che “l’unico ammesso sul palco a parlare, per ora” è il 53enne Marcello Fiori, che guida i club azzurri e proviene della squadra dell’ex capo della protezione Civile, Guido Bertolaso e già capo di gabinetto di Francesco Rutelli sindaco di Roma: “Una scelta (quella di inserire Fiori tra gli oratori) che conferma la volontà del leader azzurro di dare l’immagine di un partito rinnovato, che punti a energie fresche e volti nuovi. In queste ultime settimane le quotazioni di Fiori sono salite, visto che a lui spetta coordinare l’anima movimentista del partito, considerata dal Cav il suo vero braccio operativo in campagna elettorale”. Italia Oggi ha dato Fiori in corsa per la premiership, se Marina Berlusconi, come ha sempre dichiarato, non entrerà in politica.

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento