GRANE PADANE

Lega, dopo il voto la resa dei conti

L'ala cotiana vuole espellere tutti i dissidenti che hanno scelto di sostenere Albano. Nel piano anche la soppressione della "provincia canavesana" del partito. Molto dipenderà dall'esito delle urne e comunque l'ultima parola spetterà a Salvini

Il piano è far passar la nottata e poi fare piazza pulita. Non si placano le polemiche all’interno della Lega Nord piemontese, dove mezzo Canavese, che secondo la geografia della Padania fa provincia, si «è posto al di fuori del partito scegliendo di sostenere alle Regionali un candidato che non è inserito nella nostra lista» dice Alessandro Benvenuto, numero uno del partito a Torino, sul quale punta il Carroccio “nazionale”, guidato da Roberto Cota, per tornare – seppur a ranghi ridotti – a Palazzo Lascaris. A guidare la rivolta è l’ex deputato Walter Togni, che insieme a Monica Camoletto, componente del direttivo nazionale, Fulvio Laziosi, vice segretario canavesano dimissionario, il numero uno di Brandizzo Sergio Toch e altri, ha annunciato di sostenere Alessandro Albano per le Regionali e Oreste Rossi alle Europee: e pazienza se entrambi non sono candidati con la Lega. Dopotutto - è la loro tesi - anche Roberto Maroni ha dato vita a una lista civica dove sono confluiti esponenti del Carroccio, «ma quella operazione era stata avallata dalla segreteria federale» ribattono i cotiani.

 

Per il momento la posizione dei ribelli è stata “congelata” per evitare ulteriori risse in vista delle urne, ma il redde rationem non tarderà ad arrivare a partire dal giorno dopo. Molto dipende anche dall'esito del voto, dal risultato che otterrà il Carroccio – Benvenuto fissa l’asticella tra il 7 e il 10 per cento – dall’eventuale elezione di Albano nella lista civica di Gilberto Pichetto. Di certo l’obiettivo è procedere con l’espulsione definitiva di tutti i dissidenti, che sempre attraverso Togni sono passati all’attacco promuovendo una petizione per sfiduciare Cota e il coordinatore del Canavese Cesare Pianasso, molto vicino al governatore decaduto. Non solo: l’operazione “raus” potrebbe essere più complicata del previsto dal momento che lo statuto della Lega prevede che eventuali espulsioni di militanti iscritti da più di 10 anni – e molti dei dissidenti lo sono – devono essere approvate non solo a livello locale, ma anche dal Federale. Se l’area guidata da Togni dovesse finire in blocco fuori dal partito a quel punto è l’intero Carroccio del Canavese che rischia di scomparire e infatti in questi giorni si sta anche discutendo di una possibile fusione con il partito di Torino. Scenari che per il momento Benvenuto smentisce: «Non ne ho mai sentito parlare e comunque non spetterebbe a me».

 

E perché mezzo Canavese si sia rivoltato alla gestione di Cota? Il casus belli è stata la mancata candidatura di Albano «a tre giorni dalla presentazione delle liste», costringendo il giovane consigliere provinciale a cercare ospitalità nella civica di Pichetto: «per paura che ottenesse più voti di Benvenuto», attaccano i suoi sostenitori, «per decisione del partito canavesano che dopo una votazione ha deciso di puntare sul suo segretario Pianasso» ribatte Benvenuto. Sia come sia una cosa è certa: «Dopo le elezioni non ci sarà spazio in Lega per noi e Cota» dice Albano. A Matteo Salvini la scelta.

print_icon

4 Commenti

  1. avatar-4
    10:14 Domenica 18 Maggio 2014 marino bertolino Dove va Borghezio?

    Nella foto un po' dietro si vede Borghezio che sarà candidato nel Lazio. Ma questo signore in tanti a Bruxelles cosa ha fatto per il Piemonte? E quanti soldi pubblici ha incamerato? Forse dovrebbe pubblicare i suoi stipendi avuti grazie alla Lega Nord per rispetto verso i Padani!!

  2. avatar-4
    08:26 Venerdì 16 Maggio 2014 marino bertolino Povera Lega

    Ormai è chiaro! Dopo gli scandali la lega ha perso tutto!! Adesso, non avendo più credibilità, si scannano tra loro come le belve inferocite, anche se il destino della Lega è ormai segnato!! Bossi l'ha fatta e Bossi l'ha distrutta! Rimarranno solo i più radicati a tenere in mano il cerino leghista!!

  3. avatar-4
    01:03 Venerdì 16 Maggio 2014 punilux ultimi colpi di coda

    un partito senza più credibilità. quando avrebbe potuto fare non ha fatto pensando a gozzovigliare come tutti gli altri. è ora di voltare pagina e mandare a casa tutti i poltronari di qualsiasi partito.

  4. avatar-4
    20:50 Giovedì 15 Maggio 2014 iodio68 la scissione dell'atomo

    l'han fatto anche a sinistra e come esperimento non funziono' molto

Inserisci un commento