Cota e Angeleri cheek to cheek

Che ci facevano Roberto Cota e Antonello Angeleri cheek to cheek in un noto bar del centro di Torino? Cosa avrà mai spinto l’ex governatore a recarsi a Canossa da chi, abbandonando la scena politica (almeno quella elettiva e solo per il momento) l’aveva messo sul banco degli imputati, accusando la “Cotacrazia” della gestione del Carroccio piemontese? I malpensanti sospettato che a fronte della sempre più evidente antipatia mostrata da Matteo Salvini nei suoi confronti, il presidente decaduto stia cercando sponde in riva all’Adige, alla corte di Flavio Tosi.

print_icon