FIANCO DESTR

Fitto, “Forza Italia non è un Fortino”

Giocando sul nome dell'hotel torinese che sabato lo vedrà protagonista della convention dei Ricostruttori, il leader dei dissidenti rinnova l'invito al dialogo e al confronto. Ma il vertice piemontese promuove una contromanifestazione

Non farà la fine di Tosi, nessuno potrà mai cacciarlo da quello che è “il mio partito”. Raffaele Fitto, alla vigilia della tappa torinese del tour che lo sta portando in lungo e in largo per l’Italia, ribadisce allo Spiffero il significato della sua iniziativa, quella che con i Ricostruttori sta creando non pochi grattacapi a una parte dell’establishment berlusconiano: «Sfido chiunque a trovare in una sola dichiarazione dell’ultimo anno offese contro qualcuno. Critiche politiche e proposte alternative sì, tante, ma mai un’offesa. La nostra forza è di chi non si rassegna a vedere l’esperienza di Forza Italia finire malamente». L’ex governatore pugliese moltiplica gli appelli al dialogo: «Le nostre non sono manifestazioni contro qualcuno. Anche sabato a Torino sono stati invitati, come in tutte le altre regioni, tutti coloro i quali hanno ruoli e responsabilità nel partito e nelle istituzioni».

 

Ancora oggi nella lettera inviata a tutti i dirigenti del partito piemontese ha ribadito l’intenzione di “esporre anche a Torino idee e proposte di rilancio di Forza Italia e del centrodestra: sia sul terreno dei contenuti e della proposta politica, sia dal punto di vista organizzativo”. Non vuole ingaggiare nessun braccio di ferro in questa fase, come dimostrato anche dalle dichiarazioni al miele riservate a Silvio Berlusconi dopo l’assoluzione nel processo Ruby: «Sono molto contento per una sentenza, quella della notte scorsa, che gli restituisce almeno una piccola parte di quanto gli è stato tolto in tutti questi anni. I magistrati della Cassazione sono stati liberi e coraggiosi, e questo va a loro grande onore».  Poi, aggiunge l’eurodeputato: «Noi gli siamo stati vicini nelle giornate più difficili, nei mesi e negli anni scorsi, e quindi oggi è un giorno molto positivo e siamo per questo davvero felici per Berlusconi».

 

Segnali di pace che sembrano però destinati a cadere nel vuoto: non solo i vertici del partito piemontese diserteranno la sua kermesse di sabato mattina all’Hotel Fortino, ma anzi gli organizzano per la prossima settimana una contromanifestazione. Una risposta che però tradisce il nervosismo per la “calata” al Nord del dissidente e, forse, il timore che la sua iniziativa possa avere successo e mietere proseliti.

 

Fitto non rinuncia a esternare il suo disappunto per le purghe dei giorni scorsi che hanno colpito Ettore Puglisi (ex coordinatore cittadino) e Valter Zanetta (ex numero uno del partito nel Vco), entrambi sollevati dai rispettivi incarichi: «Inutile nascondere lo stupore e l’amarezza per i provvedimenti assunti nei confronti dei dirigenti di Forza Italia che hanno promosso questo appuntamento insieme a me. Ma, anche dinanzi a un gesto che ritengo sbagliato, a maggior ragione la nostra risposta sarà positiva e propositiva. Per questo rivolgo a tutti l'invito a essere presenti. E mi auguro che questo invito al dialogo sia accolto». Vedremo se, almeno da parte di qualcuno, ci sarà un ripensamento, intanto nei giorni scorsi non sono mancate le adesioni anche da Fratelli d'Italia: l'ex parlamentare Agostino Ghiglia ha richiamato tutta la sua falange ex aennina all'iniziativa del Fortino. Nel colloquio telefonico con lo Spiffero, Fitto insiste sulla necessità di «confronto e discussione» interno al partito, «Il nome che ci siamo dati, “Ricostruttori”, è indicativo dello spirito con cui ci muoviamo». Si dice soddisfatto della linea politica, quella di FI, tornata alternativa al centrosinistra, e spiega che ora «va riempita di contenuti e di un modello organizzativo adeguato». E nei giorni in cui la Lega Nord vive lo psicodramma dell’espulsione di Flavio Tosi, Fitto rifugge ogni analogia con le vicende legate al sindaco di Verona: «Il mio partito è Forza Italia e resterà Forza Italia».

print_icon

13 Commenti

  1. avatar-4
    23:15 Venerdì 13 Marzo 2015 moschettiere Civiltà remota

    Chiarisco: non replico mai agli insulti, come non raccolgo gli sproloqui in genere. Devo però dire che da certe fonti, mi onorano. Sarei molto preoccupato avere il consenso del pattume. Aggiungo che è interessante constatare come certi "esseri" concepiscano il confronto: c'è davvero ancora molto da lavorare per diventare un paese civile! Ora lascio alla giungla lo sfogo. Io chiudo qui.

  2. avatar-4
    20:00 Venerdì 13 Marzo 2015 daniele galli raziel@

    lei non è frainteso ,di fatto è lei che fraintende. Sulla mia Home Page troverà nel dettaglio ogni mio interesse politico e culturale cosi non dovrà dare corso alla fantasia ,se può non confonda i gruppi i partiti e le associazioni di carattere liberale, lascio a lei lo spazio in tsipras e con la Le Pen, però guardi che li dovrà dichiararsi metterci almeno faccia e nome, saluti ... ps. non è che per caso lei è uno di quegli scienziati del listone unico .....

  3. avatar-4
    18:48 Venerdì 13 Marzo 2015 Raziel chiedo venia all'on. daniele galli....

    ...non vorrei essere frainteso: soltanto i paracarri non cambiano idea, cambiare idea in mutati contesti risponde anche dal darwinismo sociale, cambiare idea non è reato ma si ha l'onere della prova, bisogna spiegare qual è il percorso intellettuale. Non ho motivo di dubitare che lei abbia avuto soltanto due tessere, ma mi corre l'obbligo di una domanda: lei è lo stesso daniele galli che, dopo le richiamate esperienze in Lega ed FI poi Pdl, è...non vorrei essere frainteso: ma sui giornali si legge di un suo avvicinamento alla nuova DC di Rotondi e poi in passaggio in FLI fino al movimento "Io Amo l'Italia" di Magdi Allam, di cui dovrebbe anche aver ricoperto l'incarico di coordinatore regionale...si badi bene, tutti contenitori con una cornice culturale e valoriale simile, non c'è stato un salto da tsipras alla le pen

  4. avatar-4
    17:55 Venerdì 13 Marzo 2015 bombaci ...

    Confermo...un pezzente MOSCHETTIERE, acefalo, felice di essere ultra tassato da monti in poi, forse in quanto privo di redditi e proprietà e livido nei confronti di chi produce, risparmia e crea reddito, che va citando un'istituzione religiosa che va a fare moralismi al prossimo quando ha dato ampia prova di essere pervasa da pedofili. Ma il personaggio che ne parla non è nemmeno in grado di sostenere un pensiero proprio senza ricorrere a citazioni, figurarsi se in grado di articolare un pensiero compiuto senza sparare caz....

  5. avatar-4
    17:37 Venerdì 13 Marzo 2015 daniele galli Raziel @

    errore due tessere L.N. e F.I. dal 96 comunque "Ci sono uomini che cambiano idea per amore del loro partito, altri che cambiano partito per amore delle proprie idee." poi c'è chi ci mette sempre la faccia e il nome e chi preferisce il nickname

  6. avatar-4
    15:54 Venerdì 13 Marzo 2015 Raziel il 4 partito...

    un po' come quelli in cui è transitato daniele galli negli ultimi anni?

  7. avatar-4
    15:23 Venerdì 13 Marzo 2015 daniele galli sturm und drang

    Raffaele Fitto contrasta ciò che soffoca e limita F.I. ormai il 4° partito stante i sondaggi e non certo il suo fondatore,il quale all'atto delle fatidiche scelte non credo che sceglierà di trincerarsi sulla linea del 10% con degli poco utili yes man.

  8. avatar-4
    12:29 Venerdì 13 Marzo 2015 moschettiere Analisi serena

    Il bello è che in questi casi gli acefali si svegliano. Il che è un bene, perchè assopiti potrebbero essere scambiati per esseri pensanti. È un segno anche di nervosismo quando alla dialettica si preferisce l'insulto. Sono le truppe da piazzista (quanto bene le conosceva il buon Montanelli!), siamo abituati! E per quelli che sanno leggere: non trascurerei i commenti - sull'argomento - che arrivano a pioggia dalla Chiesa...

  9. avatar-4
    10:46 Venerdì 13 Marzo 2015 siamodicentrodestra Torinesi svegliatevi

    Torino

  10. avatar-4
    10:21 Venerdì 13 Marzo 2015 bombaci MOSCHETTIERE???

    Piazzista e bolso sarai te, pezzente

  11. avatar-4
    10:16 Venerdì 13 Marzo 2015 partigia so che è volgare

    ma se andassero tutti a liberarsi al cesso ? sarebbe la soluzione migliore

  12. avatar-4
    22:36 Giovedì 12 Marzo 2015 moschettiere Miraggi

    Tra la disperazione ed il romanticismo la sola via di mezzo logica è la rassegnazione. FI ha fatto la sua parte, e il Piazzista - assolto o non assolto non sarebbe cambiato nulla - è cotto come un cavallo bolso. Fitty rassegnati

  13. avatar-4
    21:59 Giovedì 12 Marzo 2015 Bandito Libero Ho già la pancia in mano...

    ...a pensare alla "contromanifestazione" che 'gli ortodossi' starebbero preparando la settimana successiva....... Son proprio curioso di vederla!

Inserisci un commento