LITE IN FAMIGLIA

Crosetto: “Nel Pdl solo paracadutati”

Il leader dei Fratelli d'Italia contro Berlusconi: "E' venuto a Torino a sostenere posizioni su cui fino a ieri aveva idee diverse. Spieghi piuttosto operché ha scelto di far rappresentare il Piemonte da estranei e da persino del suo entourage familiare"

Berlusconi è venuto in Piemonte a spiegare perché votare il centrodestra. Bene. Ha parlato di tasse, di Imu, di crescita, delle assurda politica economica di Monti e delle scelte europee condivise inizialmente anche da Tremonti. Dovrebbe spiegare anche perché quando io urlavo queste cose, non votavo i provvedimenti che oggi tutti ritengono sbagliati, lui non mi dava retta. Ma va bene così, meglio tardi che mai. Mentre era qui avrebbe anche dovuto avere il coraggio di dire che per votare centrodestra ed avere piemontesi a rappresentarlo l’unico modo è votare Fratelli d’Italia”. È un fiume in piena, Guido Crosetto, cofondatore della nuova formazione e per molti anni massimo dirigente del partito del Cavaliere in Piemonte.

 

A poche ore dalla manifestazione del Lingotto, Crosetto punta il dito su quelle che ritiene le più marcate contraddizioni dell’alleato, a partire dalla composizione delle liste. «Sì - prosegue - perché purtroppo il Pdl ha scelto di far rappresentare il Piemonte, candidandoli ai primi posti, da persone che il Piemonte ed i piemontesi li conoscono solo per cartolina. Elio Vito, Daniele Capezzone, Annagrazia Calabria, Bruno Archi, cioè i futuri rappresentanti del Pdl in Piemonte, sono stati messi qui perché non hanno trovato spazio nelle loro Regioni. Solo Piemonte e Liguria hanno ricevuto questo trattamento». L’unica soluzione, per il parlamentare cuneese, è quella che gli elettori di centrodestra dirottino la loro preferenza al movimento da lui promosso con Giorgia Meloni e Ignazio La Russa. «C’è un modo serio per votare il centrodestra ed avere parlamentari piemontesi: Fratelli d’Italia – conclude -. Torino è la prima capitale d’Italia. Il Piemonte è la terra di Cavour, Einaudi, Giolitti ed è una delle regioni che maggiormente contribuisce alla ricchezza italiana. Ha il diritto di non essere rappresentato da quattro estranei e due del suo entourage familiare. Spero che i cittadini piemontesi se ne accorgano e scelgano se preferiscono questi ufo o me».

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento